Varie 1

EBOLA, MA NON SOLO !

MALATTIE INFETTIVE EMERGENTI E RIEMERGENTI IN UN  MONDO IN RAPIDO CAMBIAMENTO
di Fernando Aiuti

Prof. Fernando Aiuti

Prof. Fernando Aiuti
Professore Emerito e Docente di Malattie Infettive e Immunologia Clinica, Sapienza, Università degli Studi di Roma


Introduzione
La comparsa di epidemie causate da vari microrganismi non è un fatto nuovo. Nel corso dei secoli le pandemie di peste, colera, febbre tifoide e vaiolo hanno modificato la situazione politica ed economica delle nazioni , hanno talora deciso l’esito delle guerre o hanno influito sulle carestie causando trasmigrazioni di interi popoli dalle loro terre.
Negli ultimi decenni sono avvenute mutazioni ambientali, climatiche, economiche ed igienico-sanitarie in grado di modificare o di fare scomparire alcune malattie infettive, come il vaiolo. Un ruolo fondamentale è stato svolto dalla medicina con le norme igieniche, la scoperta di vaccini, di antibiotici ed antivirali. Alla fine del XX secolo ci si attendeva la scomparsa delle epidemie causate da malattie infettive.
Purtroppo questa ipotesi non è stata confermata poichè sono riemerse vecchie patologie,
come l’influenza e nuove malattie causate da virus rimasti per secoli silenti in zone quasi disabitate del mondo ,come nel caso dell’ infezione dal virus della immunodeficienza acquisita (HIV), causa dell’AIDS o dei virus africani come i virus Ebola, Lassa e Marburg.
I rapporti tra microrganismi ed altre specie biologiche, come i primati, sono stati sempre condizionati dall’ eterna lotta delle specie per la sopravvivenza secondo la legge darwiniana. In natura non prevale il più forte, ma l’organismo che sa meglio adattarsi alle nuove situazioni. Anche la replicazione dei virus è soggetta a queste regole per cui nella replicazione avvengono continue mutazioni del patrimonio genetico in grado di produrre nuovi tipi o ceppi virali con una forte penetranza e forti fenomeni di adattamento alla situazione ambientale. I virus sanno che se uccidono tutti i loro ospiti finirebbero per sopprimere loro stessi, quindi quando un virus uccide poco si diffonde di più e riesce sopravvivere a lungo ed a diffondersi(vedi caso del virus HIV).
 

Leggi tutto

Dal 13 al 17 Settembre 2014 Festival Internazionale di Letteratura e Cultura Ebraica 2014 (VII edizione)

Festival della letteratura ebraicaDal 13 al 17 settembre 2014 torna nella Capitale il Festival Internazionale di Letteratura e Cultura Ebraica, promosso dalla Comunità Ebraica di Roma e curato da Ariela Piattelli, Raffaella Spizzichino e Shulim Vogelmann.
Giunto alla settima edizione, il festival inaugura sabato 13 settembre con La Notte della Cabbalà, per proseguire fino al 17 settembre con numerose iniziative culturali ad ingresso gratuito, tra musica, arte, incontri, libri, danza, teatro, cucina, che animeranno l’antico quartiere ebraico della città, celebrando lo storico sodalizio della con la città di Roma, che vanta una presenza ebraica da oltre duemila anni.
What’s up Family? Cosa succede famiglia? è il tema centrale della settima edizione del Festival Internazionale di Letteratura e Cultura Ebraica. Il punto di partenza è la famiglia nella tradizione ebraica, per poi attraversare le suggestioni letterarie, la fotografia, e arrivare alle nuove frontiere della bioetica, per comprendere come nel corso dei secoli è cambiato, se è cambiato, il concetto di famiglia nella società. Un confronto culturale nello spirito del Festival, che si propone di trovare nuove risposte sui temi universali in un mondo in continuo mutamento – come sulla famiglia che, al di là delle diversità, è terreno comune per tutti, e sui cui destini, oggi più che mai, è importante confrontarsi.
Visita il sito:  www.festivaletteraturaebraica.it

Foro di Augusto 2000 anni dopo

POSTI ESAURITI

Layout 1

Un viaggio nella storia, promosso da Roma Capitale, con l’ideazione e la cura di Piero Angela e Paco Lanciano. Sarà possibile assistere allo spettacolo tutte le sere fino al 23 settembre 2014 in tre repliche alle 21, alle 22 e alle 23 (durata 40 minuti; max 200 persone).

Utilizzando le tecnologie più all’avanguardia, il progetto illustrerà il sito archeologico situato lungo Via dei Fori Imperiali e adiacente a via Alessandrina partendo da pietre, frammenti e colonne presenti. Gli spettatori saranno accompagnati dalla voce di Piero Angela e da magnifici filmati e ricostruzioni che mostreranno i luoghi così come si presentavano all’epoca di Augusto: una rappresentazione emozionante ed allo stesso tempo ricca di informazioni dal grande rigore storico e scientifico.

Gli iscritti ADIRC potranno assistere allo spettacolo con uno sconto di 5 €, il 2 luglio alle ore 22:00. I posti sono limitati, perciò prenota subito la visita al “Foro di Augusto 2000 anni dopo” telefonando al tel. 06.48906227 oppure inviando una email a segreteria@adirc.roma.it.

Serata al Kipling

Presso il Tennis Club Kipling in Via dei Cantelmo, 129 (zona Bravetta – Casetta Mattei) Venerdì 27 giugno dalle ore 21 splendida serata a bordo piscina immersi nella bellissima cornice del Parco Valle dei Casali.
Musica dal vivo con i bravissimi GOODOLLS.
Inoltre consumazione con spiedino, bruschetta e bevanda per passare una piacevole serata in compagnia.
IL TUTTO A SOLI € 13, per i soci ADIRC il costo è di € 10.
Prenotazioni presso la segreteria del Circolo al n. Tel 06.66151916
Loc_Layout 1

La riforma della Pubblica Amministrazione

madia-renziCari colleghi,
il 12 giugno il Consiglio dei Ministri ha approvato i punti della riforma della Pubblica Amministrazione.
Il testo, che sarà oggetto di un percorso legislativo, introduce alcune novità rilevanti.
Tra queste:

  1. la previsione di 15 mila nuove assunzioni nella Pubblica Amministrazione per dare avvio ad un ricambio generazionale e la contestuale eliminazione dell’istituto del trattenimento in servizio per chi ha raggiunto i requisiti della pensione, che insieme al divieto di attribuzione di incarichi dirigenziali a soggetti in quiescenza dovrebbe liberare notevoli spazi nelle piante organiche delle varie amministrazioni pubbliche;
  2. La modifica della mobilità volontaria che non necessiterà più del nulla osta dell’Amministrazione di provenienza. Mentre per l’istituto della mobilità obbligatoria, al fine di favorire un utilizzo più efficiente delle risorse umane, nella riforma si prevede la possibilità dell’amministrazione di trasferire (con la medesima retribuzione e non oltre 50 Km dall’attuale sede) un un lavoratore da una amministrazione ad un’altra della pubblica amministrazione, senza il preventivo assenso dello stesso;
  3. Le agevolazioni per usufruire dell’istituto del part-time.

Questi sono solo alcuni dei punti toccati dal governo nella sua proposta di riforma. Proposta che riteniamo utile mettere a disposizione dei colleghi al fine di consentire a tutti di prenderne cognizione nella sua interezza.
Clicca qui per leggere tutti i punti della riforma
Clicca qui per vedere le modifiche agli articoli di legge

Dipendenti di Roma Capitale: grande adesione allo sciopero del 6 giugno

roma-scioperoDopo la grande partecipazione allo sciopero del 6 giugno da parte dei Dipendenti di Roma Capitale a difesa del salario accessorio, riparte il tavolo sul contratto decentrato chiamato a trovare soluzioni che non penalizzino i dipendenti capitolini e al contempo siano rispettose delle osservazione degli ispettori del MEF.

L’intesa tra le parti, stando ai tempi dettati dalla circolare ministeriale,  dovrà essere trovata e sottoscritta entro il 31 luglio 2014.

Amministrazione e sindacati faranno bene ad avere ben chiare due richieste che non possono essere derogate per nessun motivo:

1) Nessuna decurtazione degli stipendi che,  già miseri, se alleggeriti del salario accessorio sarebbero prossimi all’indigenza;

2) Nessun recupero delle somme percepite negli anni passati e osservate dagli ispettori del MEF.

Richieste di buonsenso che, stando anche alle recenti dichiarazioni dell’Amministrazione che si è espressa per  bocca del Vice Sindaco con delega al personale On. Nieri, non dovrebbero avere difficoltà ad essere accolte dalle parti sul tavolo della trattativa.

Altissima l'attenzione sul salario accessorio

Cari colleghi,

salario accessoriol’attenzione sul salario accessorio resta altissima. E’ di queste ore l’annuncio attraverso il quale i sindacati danno comunicazione all’Amministrazione che “Il prossimo 6 giugno per l’intero turno i 24mila lavoratori capitolini si asterranno dal lavoro”.  

D’altronde se la circolare a firma dei ministri Padoan, Madia e Lanzetta e la delibera di giunta emanata successivamente alla circolare (documenti che abbiamo allegato alla precedente comunicazione) hanno consentito il pagamento del salario accessorio nelle buste di maggio, e dovrebbero garantirlo fino al 31 luglio 2014, resta opaco il futuro di questi emonumenti. Infatti la stessa circolare ministeriale che ha consentito il pagamento delle somme attenzionate dagli ispettori del MEF, nella sua formulazione complessiva non sembra affatto tranquillizzare sugli scenari futuri li dove testualmente vi si legge:

“Nelle more della definizione delle suddette indicazioni da parte del comitato, è rimessa agli organi di governo degli enti una prima valutazione delle modalità attuative dell’art. 4 del citato decreto-legge, finalizzata ad assicurare la continuità nello svolgimento dei servizi necessari e indispensabili, anche attraverso l’applicazione, in via temporanea e salvo recupero, delle clausole dei contratti integrativi vigenti, ritenuti indispensabili a tal fine”.

Quindi è richiesto un impegno massimo di tutti gli attori chiamati ad operare sull’argomento a garanzia che non accada quanto avvenuto nel Comune di Firenze dove in conseguenza di una attività ispettiva svolta dagli uffici del MEF  i dipendenti sono stati chiamati alla restituzione delle somme di salario accessorio ritenute illegittime.

Clicca qui e leggi il “Provvedimento Dirigenziale del Comune di Firenze

Salario accessorio – Il 6 giugno dipendenti di nuovo in piazza

salario accessorioL’attenzione sul salario accessorio resta altissima. E’ di queste ore l’annuncio dei sindacati all’Amministrazione che “Il prossimo 6 giugno per l’intero turno i 24mila lavoratori capitolini si asterranno dal lavoro”.
D’altronde se la circolare a firma dei ministri Padoan, Madia e Lanzetta e la delibera di giunta emanata successivamente alla circolare (documenti che abbiamo allegato alla precedente comunicazione) hanno consentito il pagamento del salario accessorio nelle buste di maggio, e dovrebbero garantirlo fino al 31 luglio 2014, resta un grande punto interrogativo tutto da chiarire il futuro di questi emonumenti. Infatti la stessa circolare ministeriale che ha consentito il pagamento delle somme attenzionate dagli ispettori del MEF, nella sua formulazione complessiva non sembra affatto tranquillizzato sugli scenari futuri li dove testualmente vi si legge:

Leggi tutto

DOMENICA 25 MAGGIO OPEN DAY al T.C. KIPLING – CENTRO ESTIVO 2014

kipling-open-day

Si avvicina la chiusura delle scuole e molte famiglie si mettono alla ricerca di strutture attrezzate che organizzino centri estivi con personale qualificato cui affidare i figli. Proprio per venire incontro a questa esigenza manifestata da molti nostri iscritti abbiamo ritenuto utile sottoscrivere alcune convenzioni con strutture della cui serietà siamo certi.
Tra queste c’è il Tennis Club Kipling, che per farsi conoscere ha organizzato per domenica 25 maggio, a partire dalle ore 11 e per tutta la giornata, un “OPEN DAY” gratuito  all’insegna del divertimento.
Appuntamento da un perdere per visitare questa bellissima struttura immersa nel parco naturale “Valle dei Casali” e conoscere le persone che vi operano.

Clicca qui per scaricare la locandina invito

Mangiare sano e vivere bene. Convenzione ADIRC – Tempio dei Sapori

tempio dei sapori

Sconto del 20% per i soci ADIRC rispetto al prezzo praticato al pubblico di tutti i prodotti, che è possibile visionare e ordinare sul sito www.tempiodeisapori.it o direttamente presso la sede di Via Gregorio Ricci Curbastro, 29 (zona Portuense).

Sconto del 10% per i soci ADIRC rispetto al prezzo praticato al pubblico, su tutte le degustazioni o eventi enogastronomici.

Tempio dei Sapori trasforma il rito quotidiano del mangiare in un evento coinvolgente.

Il cibo, non solo come soddisfazione di un bisogno primario, ma come esperienza piacevole, coinvolgente, “plurisensoriale”, capace, in aggiunta, di soddisfare il desiderio di conoscenza.

I prodotti che Tempio dei Sapori seleziona sono fonte di cultura. Ogni singolo prodotto è confezionato con cura meticolosa e accompagnato da coinvolgenti informazioni, tutto è orientato a soddisfare l’innato bisogno di conoscere, e nel nostro caso i molteplici volti ed espressioni della ricca cultura italiana.

Leggi tutto